x

Iscriviti in pochi passi!

E-Mail

Nick

Data nascita

Password

Nome

Cognome

Login

E-Mail

Password

Ricordami? Password dimenticata? Registrati Connettiti con

Battlefield 3 - Hands On

Bando alle ciance, ora si spara davvero!

By Andrea Romaniello , 03/10/2011
A tutta beta! L’attesissima beta di Battlefield 3 è finalmente giunta tra noi. Coloro che avevano preordinato il gioco, ne hanno potuto usufruire dal 27 settembre (con ben 48 ore di anticipo rispetto all’inizio classico) mentre gli altri hanno imbracciato le armi dal 29. Dopo aver completato il download da Origin e la susseguente installazione, verremo catapultati su Battlelog, la piattaforma di EA per Battlefield 3. Questa feature pare decisamente interessante, con statistiche, rapporti di combattimento dopo ogni sessione di gioco conclusa: kill eseguite, morti, punti guadagnati, armi sbloccate, passaggi di rank, ecc. La piattaforma annovera anche una chat incorporata dove potrete cercare amici di Facebook, Origin, Xbox Live e Playstation Network. Prima di andare a bomba sul giocato vero e proprio però, vorrei dire due parole su DICE. E’ incredibile pensare cosa abbiamo fatto questi programmatori in ventitre anni dalla loro nascita. Fondati nel 1988 da Uno sparuto gruppetto di ragazzi, dieci anni dopo vengono registrati nella borsa svedese e hanno il meritato successo grazie a Codename Eagle. Nel 2004, DICE venne acquistata da Electronic Arts e da lì l’incredibile successo. Ad iniziare da Battlefield 1942 e proseguendo con Battlefield 2, Battlefield 2142, Battlefield Vietnam fino ad arrivare a Battlefield 3. Ad oggi i DICE sono più di duecento, tutte menti brillanti dietro questo team di sviluppo, a partire dal CEO Patrick Söderlund e via via fino agli altri. Tutti dentro! Si, esatto. Alla beta Multiplayer di Battlefield 3 ci sta giocando un sacco di gente e noi di GAME non potevamo perdere l’importante occasione. Dopo un alpha decisamente interessante, EA ci mette a disposizione in questa beta una mappa ed una modalità di gioco. A spararsi addosso ci saranno 32 giocatori per server ma, esclusivamente su pc (Console a bocca asciutta, quindi), nella release finale potranno arrivare fino a 63. Come detto, avremo modo di sperimentare una mappa di gioco (Operation Metro) e una modalità, chiamata Rush. Operation Metro è divisa in due sezioni: una all’aperto, in un enorme parco adiacente un lago ed un’altra che è appunto la metropolitana. Nella modalità disponibile, gli attaccanti dovranno conquistare dei particolari punti strategici mentre ai difensori spetterà il compito di respingere gli assalti. Per fare ciò avremo a disposizione quattro classi: assault, engineer, support e recon. L’assault avrà inizialmente a disposizione un M16A4 e un AK74M e come equipaggiamento un defibrillatore. L’engineer avrà invece a disposizione un arsenale leggermente più ampio, comprendente Rpg-7V2, AKS-74u, SMAW e un M4A1, con equipaggiate delle granate. Il support disporrà di un RPK-74M e un M27 IAR, con delle claymore e del C4 (avrebbe a disposizione anche un mortaio ma nella beta non era disponibile. Il Recon invece (sarebbe il cecchino), annovera nei suoi slot un SVD ed un MK11 MOD 0. Ovviamente, oltre a tutte queste armi di “base”, ce ne saranno molte altre sbloccabili (semplicemente salendo di livello) tra cui fucili a pompa, pistole e molto altro. La balistica di ognuna di essa sembra calibrata alla precisione, in modo da garantire un certo grado di realismo all’esperienza. Tutte queste informazioni sulle armi potrete reperirle facilmente su Battlelog nella sezione delle statistiche personali, cliccando semplicemente sulla linguetta “Weapons & Equipment“. Oltre alle armi, in Battlefield 3 si potranno sbloccare anche dei premi, ottenibili grazie ad alcune azioni: ad esempio quando completerete un round, sbloccherete un award chiamato Rush RIBBON. Ce ne sono molti altri e ad aggiungersi ci sono le medaglie, ottenibili in maniera identica a quanto detto sopra. Battlefield 3 sembra, da queste prime battute, privilegiare il gioco di squadra. Il giocatore solitario, grazie alle sue uccisioni, guadagnerà ugualmente punti ma anche chi, ad esempio, infliggerà danni ad un nemico che verrà poi eliminato da un altro compagno, ne otterrà. In controtendenza a quanto visto con Battlefield: Bad Company 2, dove il gioco di squadra veniva quasi sempre snobbato in favore dell’incursione solitaria. Questo renderà inoltre l’avanzamento di rank più semplice anche per chi non vive di pane e skill. Una cosa che non abbiamo avuto modo di provare in quanto non disponibile in beta sono i veicoli. Saranno disponibili nel gioco completo in ben ventisei esemplari tra veicoli e velivoli. Siamo rimasti un po’ delusi da questa mancanza anche se c’è da dire che il design della mappa non prospettava grandi incursioni, soprattutto per la parte nella metropolitana. Frostbite 2 Ciò che ci ha più impressionato durante la beta è sicuramente il nuovo motore grafico. Dopo essere passato dalla versione 1 a quella 1.5, il frostbite 2 esordirà nella sua nuova versione proprio in Battlefield 3 e successivamente in Need for Speed: The Run. Esso beneficerà delle DirectX 11 e usufruirà a pieno dei processori a 64-bit. Il gioco è stato provato, come al solito, su un Intel Core i5 con 6gb di ram e una Geforce GTX 560 Ti con risoluzione a 1920x1080 e i settaggi impostati su Ultra. Tutto liscio e godibile, senza alcun calo evidente delle prestazioni. Il livello di dettaglio raggiunto grazie a questo motore è incredibile. Ogni minima cosa ci passi davanti è stata curata in maniera maniacale. Dalla modellazione poligonale dei personaggi, alle ambientazioni, fino ad arrivare alle animazioni. Possiamo dire tranquillamente che il frostbite 2 è un paio di spanne, se non qualcosina in più, sopra all’IW di Modern Warfare 3, aggiornato e rattoppato ormai dal lontano 2005. Questa beta alla fine ci ha detto cose che già sapevamo: quest’anno la battaglia tra EA e Activision sarà veramente infuocata e solo in sede di recensione potremo dare un giudizio definitivo sui due prodotti, bilanciando con attenzione pregi e difetti. Il colosso di Redwood sembra però aver lanciato l’offensiva decisiva al trono di miglior sparatutto Multiplayer sulla piazza!

Pagina ufficiale: Battlefield, Battlefield 3
Non sono presenti commenti per questo articolo