Error writing file '/tmp/MYU373XI' (Errcode: 28)SELECT titolo, id, data_pubblicazione, tipologia, titolo_web FROM articolo WHERE tipologia="News" AND pubblicato=0 AND id!=3150 ORDER BY data_pubblicazione DESC LIMIT 5;
Error in querying database! Recensione di Final Fantasy XIV Online
x

Iscriviti in pochi passi!

E-Mail

Nick

Data nascita

Password

Nome

Cognome

Login

E-Mail

Password

Ricordami? Password dimenticata? Registrati Connettiti con

Final Fantasy XIV Online

una nuova avventura

By Antonio Fortino, 29/10/2010
SECOND OPINION: Avrete sicuramente letto e discusso il voto dato a questa nuova Avventura targata Square-Enix legato alle ultime vicende del brand Final Fantasy. Dopo il tentativo, in parte riuscito, con l’undicesimo capitolo della serie, gli sviluppatori della fantasia finale, hanno deciso di rituffarsi nella lande sterminate della rete, portando il suo marchio di maggior successo e richiamo esclusivamente online. Se il giudizio del nostro sabum è stato più che positivo, a me tocca puntare il dito sulle lacune che il prodotto, a mio modo di vedere, ha dimostrato di avere. Seppur Final Fantasy XIV online potrà migliorarsi nel tempo grazie alle patch correttive che limiteranno gli errori commessi, oggi allo stato attuale, il titolo va valutato con le problematiche che ha portato in grembo all’uscita nei negozi europei. Il prodotto Square-Enix soffre di tante e diverse imperfezioni: interfaccia di gioco scomoda, sistema di combattimenti poco intuitivo e macchinoso e controlli sicuramente migliorabili. Queste prime considerazione vanno a scontrarsi poi, con altri problemi legati alla gestione dei server (spesso bloccati per la manutenzione o limitati dal sovraffollamento) e ai fastidiosi problemi di pop up che coinvolgono i personaggi in gioco. Anche le missioni non regalano spunti troppo interessanti e spesso ci ritroveremo a dover ripetere azioni troppo simili tra loro e quasi mai intriganti. Insomma, sembra abbastanza riduttivo dire che questo FFXIV soffra di lacune marginali, soprattutto se dietro un progetto di questo stampo ha operato una società gloriosa come Square-Enix. Tutte queste imperfezioni, prendono un peso maggiore, se consideriamo che con Final Fantasy XI si erano viste potenzialità di spessore… potenzialità oggi francamente inespresse e parzialmente abbandonate… Il prodotto Square Enix, molto probabilmente, se fosse uscito tenendo conto dei tempi di sviluppo necessari ad evitare i problemi riscontarti, avrebbe trovato maggiori consensi e conseguentemente critiche meno pesanti. Ma si sa, le produzioni spingono per mantenere le promesse date al pubblico e incassare quanto prima “l’inevitabile” cash derivato dagli introiti che un prodotto con un simil nome ricaverà comunque. Delusione cocente… GLOBALE: 60 A cura di Simone “Cloud” Giorgi __________________________________________________________ La carta vincente! Final Fantasy, Fainaru Fantajī in giapponese, torna ad allietarci con con questa nuova Avventura online, che prende il nome di Final Fantasy XIV Online. Final Fantasy secondo alcuni sarebbe dovuto essere l'ultima fantasia, da qui il nome Final Fantasy, di Hironobu Sakaguchi creatore e produttore di videogame dalle origini giapponesi. Infatti si dice che Sakaguchi, all'epoca (1986) dipendente della Square Co., Ltd., presentò a Shigeru Miyamoto, famosissimo produttore di videogiochi come: Donkey Kong e Super Mario Bros., il progetto di un videogioco di ruolo, il quale visto l'imminente fallimento della società sarebbe dovuto essere l'ultima fantasia in caso di insuccesso. Ma così non fu, perché il gioco che venne pubblicato nel 1987 vendette milioni di copie, così dal 1987 al 2003 Square Co., Ltd collezionò un gran numero di successi incentrati sulla serie. Nell'aprile del 2003 Square Co., Ltd si fuse con Enix , altro colosso dei videogiochi di ruolo giapponesi come Dragon Quest, così da prendere il nome di Square Enix. Square Enix non fermò la produzione della serie anzi, ne ampliò i contenuti pubblicando nel 2006 Final Fantasy XII. Torniamo a noi Final Fantasy XIV Online (ex nome in codice Rapture) venne mensionato la prima volta nel 2005. Nell' E3 2009 la Square Enix presentò un nuovo Mmorpg con il nome di Final Fantasy XIV Online. La storia di del titolo è incentrata sulla guerra che ormai da anni affligge le città-stato di Eorzea, la quale comprende il continente di Aldenard e le sue isole, contro il misterioso Garlean Empire da est, il quale ha già dato prova della sua forza distruggendo la città stato di Ala Migho, e le tribù bestie che bramose di potere, continuano ad attaccare e devastare le terre di Eorzea. Dopo ripetuti attacchi portati avanti da entrambi le parti, alcune città stato, tra cui Limsa Lominsa, Grindania e Ul'dah, hanno deciso di unirsi per espellere la minaccia dalle proprie terre in caso di una vera e propria invasione. Fortunatamente essa non arrivò. Così facendo nelle lande di Eorzea iniziò un periodo di pace, dove gli ex guerrieri e mercenari ora senza lavoro fondarono varie gilde tra cui una di avventurieri (adventurers). In Final Fantasy XIV Online potrete scegliere tra cinque differenti razze: gli Hyur, che migrarono da terre e isole lontane portandosi una sofisticata tecnologia, sono la popolazione più vasta di Eorzea. Si espansero rapidamente grazie anche ai loro principi di libertà e la loro relativa solidarietà. A loro volta gli Hyur sono divisi in due razze, i Midland che vivono per lo più in pianure e colline, e gli Highland che dominano le montagne. Le Miqo'te, sono le dirette discendenti delle tribù di caccia che vissero durante l'era del grande freddo. Di questo popolo esistono solo gli esponenti del gentil sesso. La mentalità delle Miqo'te le hanno portate a preferire di evitare il contatto con le altre razze. Sussistono due tipi di tribù per questa specie, le diurne Seeker of the Sun e le notturne Keepers of the Moon. Altra razza di Final Fantasy XIV Online sono i Lalafell. Questa persone furono un popolo di pescatori che abitava per lo più nei pressi delle spiagge del sud. Una volta inventato il commercio marittimo, la loro indole li portò a trasferirsi in Eorzea. I Lalafell si divino in Plainsfolk e Dunesfolk; non ci sono molte differenze tra le due parti tranne che per il colore della pelle. Gli Elezen furono per lo più un popolo nomade che dominava e cacciava su Eorzea; questo portò a percepire da parte loro le migrazioni degli Hyur come un invasione. Gli Elezen sono alti e hanno un udito acutissimo che gli permette di sentire da una lunghissima distanza, questo perchè si sono adattati al vario territorio di Eorzea. Si dividono in Wildwood, pacifici abitanti della foresta di Eorzea, e in Duskwight, oscuri abitanti delle caverne. Ultimo popolo di Eorzea sono i Roegadyn, i quali posseggono una grande musculatura, sono conosciuti per il loro coraggio e spirito competitivo. Abitavano per lo più sulle spiagge del nord prima che migrassero in Eorzea. I Roegadyn si dividono in Sea wolves, tipici marinai di porto e guardie del corpo, e in Hellsguard, conosciuti per la loro pratica della magia. E Gameplay sia Il primo approccio con il gioco è abbastanza semplice, dopo aver effettuato il login e startato il gioco, dovrete procedere con la creazione del vostro personaggio. Una volta scelto l'aspetto e la razza del vostro alter-ego, dovrete scegliere a quale disciplina appartenere. Esistono quattro tipi di discipline: Discipline of War che comprende: Il Gladiator, molto versatile nei combattimenti soprattutto se armato di scudo e spada ad una mano. Il suo ruolo principale grazie anche ai suoi versatili “slashing” e “stabbing”, o meglio tagli e affondi, è quello di attaccare Uno o più nemici e se armato anche di scudo, distrarli dal resto del gruppo con spell e abilità. Il Pugilist, grazie alle sue “attack” e “defensive” stance, o meglio posizioni d'attacco e difesa, è molto bilanciato nei combattimenti. Con il suo agire d'astuzia il pugilist è in grado di confondere il nemico. Il Maurader, con le sue abilità è capace di generare devastanti attacchi. Grazie alla loro forza, i maurader sono in grado di controllare il tempismo e la distanza per massimizzare il danno dei loro colpi, attraverso le loro abilità. L'Archer, è in grado assaltare i nemici da lunghe distanze, fornendo in contemporanea supporto ai compagni. La distanza dell'archer è determinata dalle frecce che usa, ma una scelta giusta di posizione e frecce può determinare l'esito positivo di Uno scontro. Il Lancer, grazie alla sua lunga polearms, o lancia, è in grado di infliggere ottimi danni al nemico da una posizione di relativa sicurezza. Le tattiche del lancer sono vantaggiose sotto molti aspetti, due dei quali sono la distanza da lui e il nemico, e l'incremento dei danni del gruppo. Discipline of Magic che comprende: Il Conjurer controlla tutti gli elementi, fulmine, fuoco, vento, acqua, terra e ghiaccio, così da combinarli per creare potenti magie. Il Thaumaturge non ha pari negli attacchi distruttivi, eclissando anche le classi in Discine of War. Debilitanto i nemici e migliorando con buff gli amici, il thaumaturge assume un ottimo assetto per i combattimenti di logoramento. Discipline of the Land che comprende: Il Miner, che attraverso l'uso di un piccone può scavare nelle miniere. Il Botanist, che con una falce può raccogliere le erbe. Ed infine il Fisher, da come si può dedurre da nome ha l'abilità di pescare. E infine, Discipline of the Hand che comprende: Il Carpenter, maestro nell'uso della Sega, riesce a lavorare il legno. Il Balcksmith, che tra un incudine e un martello, può creare armi, oggetti nonché lingotti di ferro. L'Armorer, può creare pezzi d'armatura come elmi, spalliere etc. Il Goldsmith è abile nel lavorare metalli preziosi, così da poter creare accessori da indossare anche solo per abbellimento. Il Leatherworker, non è limitato al solo lavoro sulle pelli d'animale, ma può anche sfruttare la stoffa per creare vere e proprie armature. Il Weaver tramite l'uso del telaio è capace di creare la stoffa. L'Alchemist, maestro di scienza e natura, usa la sua conoscenza per inventare pozioni. Il Culinarian, è la classe perfetta per tutti quelli che amano cucinare, infatti con i giusti ingredienti è possibile cucinare pietanze. Il Battle System in Final Fantasy XIV Online è molto semplice, si selezione il target con TAB o con un click sinistro del mouse. Ogni mostro ha Uno o più punti deboli, che in base al tipo d'attacco e alla posizione verranno colpiti, per facilitare questo potrete basterà premere X per bloccare il target sul mostro. Le differenti abilità saranno da voi posizionate nella hotbar, visibile una volta estratta l'arma con F, più le abilità sono potenti più Tpoint richiederanno, simile al sistema di adrenalina di Guild Wars. A differenza del precedente capitolo, Final Fantasy XI, non è presente un auto-attack quindi bisognerà scegliere le abilità, soprattutto per le classi melee, in base al nemico. Sfortunatamente i combattimenti saranno instanziani, ovvero una volta iniziato il combat nessun altro personaggio esterno a te o al tuo party, potrà attaccare il mostro che avrete ingaggiato. Final Fantasy XIV non è molto incentrato sul PVP, infatti nel gioco è presente una arena dove gli scontri sono visti più come eventi sportivi. Un po di Grafica La terra di Eorzea vanta una miriade di paesaggi, orizzonti che lasciano a bocca aperta a partire da quelli che si posso vedere da Limsa Lominsa, città sull'acqua. Le ambientazioni sono molto fluide nel caricamento e realistiche, caratteristica delle serie, però risultano avere colori poco accessi. L'interfaccia risulta essere poco intuitiva, infatti i sotto menù non potranno essere richiamanti con delle hotkey e tra un'Azione e l'altra bisogerà fare una piccolissima pausa, fattore più adatto ad un gioco offline che online. Durante le missioni sono presenti dei filmati di intermezzo che lasciano pensare più ad un film che ad un viodeogame. Il motore grafico, Crystal Tools, colonna portante di giochi come Final Fantasy XIII, risulta però poco ottimizzato e quindi poco performante su PC che superano di poco i minimi requisiti. Particolare attenzione è stata data ai dettagli degli indumenti ed equipaggiamenti, i quali sono stati concepiti per modellarsi sulle razze e non adattarsi come in altri titoli del genere, con il risultato di non vedere ad esempio parte della capigliature del nostro personaggio attraversare l'elmo che indossa. Immergiamoci nella struttura del gioco! Dopo aver scelto la classe che più vi calza, dovrete scegliere da quale città-stato, Limsa Lominsa, Gridania e Ul'dah, iniziare l'Avventura. Limsa Lominsa situata sulle coste sud dell'isola di Vylbrand, è una città-stato il cui potere risiede nel partito al governo; Limsa è connessa alla terra ferma tramite un ponte in legno e ferro. Gridania è situata nella foresta di Alderand ed è dimora dei Wood Wailer; un gruppo militare col fine di proteggere le proprie terre. Infine Ul'dah è situata nella parte sud di Aldenard, nel deserto.La città è organizzata strategicamente così da far desistere degli eventuali invasori. Novità rispetto alla concorrenza, in Final Fantasy XIV Online è presente un “Armoury system”, che da la possibilità di mutare classe cambiando l'arma nella prima mano; questo significa che la classe che si sceglie durante la creazione, implica solo gli oggetti con cui il player inizierà l'Avventura. Per far crescere il proprio personaggio è stato creato un sistema di “guildlevels”, cioè delle missioni non appartenenti alla trama principale, divise per classi e regioni, con livelli di difficoltà che partono da “solo”, per i lupi solitari, fino a “legion”, per grandi gruppi di player, la cui ricompensa è, una somma in Gil (valuta in Final Fantasy) e oggetti. Per non rischiare dipendenza dal gioco, la Square Enix ha implementato in Final Fantasy un “Fatique system”, cioè un sistema di fatica che comporta il progressivo calo del guadagno di EXP, così da rendere inutilizzabile il personaggio, e l'impossibilità di fare guildlevel per un determinato periodo di tempo. Ma il “Fatique system” non ha funzione solo da deterrente per i nerd, ma permette di crescere più classi per livello, così da poter sfruttare combo di spell di classi diverse e rendere il proprio personaggio molto più forte. Ultima novità è il “retainer”, un NPC che vi permetterà di vendere ed acquistare oggetti anche offline, oppure semplicemente lo potrete usare come secondo inventario. Final Fantasy XIV comprende un abbonamento mensile di 12.99, che comprende Uno slot personaggio (3€), l'accesso ai server (9.99€), e un retainer (gratuito solo per il primo personaggio). Final Riassumencion … In definitiva Final Fantasy XIV Online pare avere le fondamenta ben solide, così da poter durare almeno cinque anni. graficamente superbo, forse un po troppo, visto che richiede non poco per giocare ad un medio dettaglio. Riguardo i contenuti, direi che non manca nulla. Sembra proprio che in questo titolo della serie siano riposte le speranze di molti, a partire dagli sviluppatori, per finire agli utenti impazienti di immergersi in questo fantastico mondo. Quindi, mano alla carta di credito, che l'Avventura inizi.

Non sono presenti commenti per questo articolo

Info

SVILUPPATORE:

Square Enix PDD 3

EDITORE:

Square Enix

GENERE:

Mmorpg

SOTTOGENERE:

Mmorpg

CONSOLE:

PC

GIOCATORI:

Multiplayer

SITO UFFICIALE:

Link

Voti

Grafica: 90
Più che valido per il genere,forse anche troppo.
Sonoro: 98
Lui si chiama Nobuo Uematsu, cosa c'è da dire ancora?
Giocabilità: 93
Noia, cos'è?
Longevità: 90
Missioni molto varie
GLOBALE: 92
Pro:Contro:
  • Vasta libertà di scelta nelle classi
  • Trama eccellente
  • Sonoro splendido
  • Requisiti di sistema alti
  • Fatique System troppo veloce
  • Abbonamento mensile

Info aggiuntive

CARATTERISTICHE:

OS: Windows XP SP3,Vista 32/64bit SP2,Seven 32/64bit ;CPU: Intel core Duo 2.0Ghz ,AMD Athlon X2 2.0GHz;RAM: XP 1.5GB,Vista/7 2GB; Scheda Video: 512MB Geforce 9600s, Radeon 2900s; HD: 15GB installazione, 6GB in


Ultime news